venerdì 14 ottobre 2016

La quinoa che farà crescere il mondo


Sostenere le comunità di piccoli produttori e l’agricoltura famigliare nei Paesi più poveri; promuovere modelli di sviluppo alternativi nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità; difendere la dignità dei contadini e, in special modo, il ruolo della donna, significa impegnarsi in maniera concreta e decisa nella grande sfida, che riguarda tutti noi, di vincere la fame ed eliminare la malnutrizione nel mondo.
Con questa convinzione l’ong ProgettoMondo Mlal, che da 50 anni è al fianco delle comunità contadine con interventi di promozione di uno sviluppo sostenibile, celebra la giornata mondiale dell’Alimentazione (16 ottobre) con una nuova edizione della campagna “Io non mangio da solo” interamente dedicata alla quinoa e ai suoi produttori dei Paesi andini.
La quinoa viene infatti coltivata da 5mila anni in 3mila ecotipi e, insieme a patata e mais, è l’alimento base del mondo incaico. Ancora oggi Perù e Bolivia coprono il 92% della produzione mondiale con 82mila tonnellate.
Da sempre la quinoa garantisce anche sopravvivenza e piccole entrate alle comunità andine che producono almeno 50 specie di quinoa, ancora con tecnologie e sistemi ancestrali. L’agricoltura a livello familiare in piccoli appezzamenti e a maggioranza biologica garantisce dunque la conservazione di un altissimo grado di biodiversità e quindi il patrimonio genetico di questo grano.
A offrire un’ulteriore testimonianza di passione e di rispetto per il cibo, quest’anno la campagna conta anche sul sostegno di chef di primissimo piano: accanto allo chef bistellato Giancarlo Perbellini, testimonial storico di ProgettoMondo Mlal, quest’anno le 3 stelle Michelin, Massimo Bottura, da poco incoronato con la cucina del suo Osteria Francescana di Modena, il “primo ristorante al mondo”, e un emergente, come lo chef peruviano Flavio Solorzano, patron del ristorante “Señorìo de Sulco” di Lima e il giovane esperto di “cicchetti” alla quinoa, il veronese Federico Zonta del Tapasotto. Tutti hanno ideato delle speciali con gli ingredienti della campagna.
Il fine settimana del 15 e 16 ottobre è dunque tutto all’insegna della solidarietà del diritto al cibo e … della quinoa. I volontari di ProgettoMondo Mlal proporranno in diverse piazze e manifestazioni a Verona, Modena, Genova, Rovereto, Cuneo, Aosta, Piacenza, Brianza, Castelmassa, Como, sacchetti da 250 grammi di quinoa per raccogliere fondi e sostenere così i progetti di sicurezza e sovranità alimentare e le comunità andine che, tra mille fatiche, praticano un’agricoltura sostenibile e di tipo familiare.

Nessun commento:

Posta un commento