giovedì 16 ottobre 2014

Giornata mondiale dell'alimentazione

Grazie al programma “Mamma!”, in appena 3 anni, ProgettoMondo è riuscito a dimezzare il tasso di malnutrizione del Burkina Faso (38%). Un risultato rilevante che, con particolare orgoglio, possiamo dire di avere condiviso, prima ancora che con medici e multinazionali dell’Aiuto, direttamente con le mamme, villaggio per villaggio, casa per casa.
ProgettoMondo Mlal dedica perciò questa giornata alle mamme, nutrici per eccellenza. Contrariamente a quanto si dice, infatti, prima ancora che essere “ciò che mangiamo”, noi siamo in realtà “ciò che mangiavano le nostre mamme” quando ancora ci avevano in grembo e poi, ancora, siamo “ciò che le nostre mamme hanno potuto darci” da mangiare fino all’età di 5 anni.
Perché essenzialmente la nostra alimentazione si gioca tutta in questi primi anni di vita. Dei 18 mila bambini che, sotto i 5 anni, muoiono ogni giorno nel mondo, quasi la metà perde la vita per cause legate alla malnutrizione, e 30 milioni dei bambini che nascono ogni anno hanno una crescita già compromessa a causa della malnutrizione delle loro mamme.
Il primissimo bisogno umano è infatti alimentarsi. Prima ancora di venire alla luce, aprire gli occhi, respirare, e toccare, il bambino cresce con e grazie al nutrimento materno. L’alimentazione è il vero e proprio primo scambio mamma-bambino e, come sanno bene tutte le mamme, proprio su questo scambio si costruiranno gran parte di intimità e condivisione di un lungo futuro legame.
Ecco, la campagna “Io non mangio da solo” 2014 vuole coinvolgerci tutte e tutti nella lotta alla malnutrizione materno-infantile, a cominciare da lì dove possiamo davvero incidere e mettere in moto un concreto cambiamento.

Partecipando tutti al progetto “Mamma!” possiamo garantire subito una pappa ipernutriente a 60 mila bambini e seguire e curare 600 mila casi di malnutrizione di mamme e bambini.
Seguici sul gruppo di Facebook "Io non mangio da solo" e condividi con i tuoi amici. Puoi aiutarci anche con una piccola donazione.

Dona ora!

martedì 17 dicembre 2013

Prendete nota, le agende sono arrivate!!!


Si dice che i belli si fanno attendere. Che le nostre agende si siano montate la testa?
Forse sì, ma siamo orgogliosi di dire che se lo possono permettere!
Fresche di stampa, sono già sulla nostra scrivania a ricordarci che il 2014 è alle porte e che possiamo farci accompagnare dolcemente assaporando una ad una le tante ricette che voi con il vostro entusiasmo e la vostra creatività anche quest’anno non ci avete fatto mancare!
Insieme a voi abbiamo realizzato un’agenda giornaliera, formato moleskine, interamente dedicata ai cereali con notizie utili e curiose, 48 ricette firmate da altrettante foodblogger corredate da immagini e da una grafica accattivante.
Ulteriore idea regalo per le feste e l’anno che verrà il cui ricavato (offerta da 15 euro) andrà interamente a sostenere i nostri progetti di sicurezza alimentare in America Latina e Africa e le nostre iniziative di sensibilizzazione ed educazione nelle nostre città.
Aiutateci a promuoverla tra i vostri amici e conoscenti sui vostri portali o pagine facebook affinché questo piccolo ma concreto sforzo collettivo dia tutti i suoi frutti alla nostra Campagna “Io non mangio da solo”.

Per ordinarla scrivete a: sostegno@mlal.org

mercoledì 20 novembre 2013

Quest'anno, a Natale, Un chicco tira l'altro!

Da mettere sotto l’albero oppure direttamente sulla tavola imbandita, le proposte di ProgettoMondo Mlal per il Natale ormai alle porte non si fanno attendere.
Continua infatti la campagna “Io non mangio da solo” che, anche quest’anno, dedica una serie di prodotti e attività alla promozione del diritto al cibo in tutti gli angoli del pianeta.
Se il calendario del 2014, “Un chicco tira l’altro può essere appeso in cucina, oltre che come datario, anche come valido ricettario per succulenti piatti a base di cereali, l’agenda giornaliera propone quotidianamente una notizia sul cereale del mese, corredata da una serie di curiosità e notizie sfiziose davvero imperdibili.
Poi c’è il libro “Buono come il pane, stampato l’anno scorso, nella prima edizione della campagna, e ancora valido per rallegrare pranzetti e cene con una serie di suggerimenti e ricette a base appunto di pane, alimento primordiale e universale di unione tra i popoli.
Tra le novità, da portare a casa insieme alla variopinta shopper in tela africana e a una carrellata di prodotti di artigianato che vanno dai presepi tipici di svariati paesi dell’America Latina e dell’Africa, fino all’artigianato marocchino e alle calde sciarpe boliviane, è spuntato quest’anno anche il sacchetto di riso realizzato in Burkina Faso, riempito di 500 grammi del nutriente e ben noto cereale.
Insomma, ce n’è per tutti i gusti e palati. Quelli determinati a non mangiare da soli, naturalmente, che intendono condividere un briciolo della loro solidarietà con chi ancora combatte per avere garantita un’alimentazione adeguata.
Clicca qui per dare uno sguardo alle notre proposte!

ProgettoMondo Mlal è impegnato in una serie di programmi in Africa e America Latina che puntano a intervenire per migliorare la nutrizione materno infantile, come in Burkina Faso, o per promuovere ambulatori per la salute e un pasto sicuro ai piccoli del Guatemala. I nostri cooperanti sono inoltre attivi in Bolivia, a fianco dei produttori agricoli comunitari, e in Perù per favorire le mense scolastiche. Ad Haiti, infine, l’organizzazione favorisce la sicurezza alimentare con orti scolastici e l’educazione elementare nelle scuole e a sostegno dei contadini, con i progetti "Scuole Per la Rinascita", "Viva Haiti" e "Nuove Energie".
Per maggiori informazioni o per prenotare il proprio regalo solidale, scrivere a sostegno@mlal.org o telefonare nella sede di ProgettoMondo Mlal allo 045.8102105.

giovedì 31 ottobre 2013

Un 2014 tutto da sgranocchiare!

A ciascun mese il suo chicco da sgranare e assaporare! Il nuovo calendario 2014 di ProgettoMondo Mlal è fresco di stampa e pronto alla distribuzione. A disposizione di chi, sostenendo il diritto al cibo nel mondo, vuole attingere a qualche originale ricetta a base di cereali da mettere in tavola.
Mese dopo mese, infatti, il calendario propone i manicaretti e le delizie che sono stati selezionati tra le 90 ricette che hanno partecipato al contest “Un chicco tiral'altro”, promosso per noi dall'ormai fedele sostenitrice e amica foodblogger del portale “Lo Spilucchino”, Virginia Portioli.
Un'iniziativa che ha dato il “la” alla seconda edizione della campagna “Io non mangio da solo, per sensibilizzare sulla necessità di garantire sovranità e sicurezza alimentare a ogni abitante del pianeta. Non solo con la lotta alla fame nel mondo, ma anche con un forte richiamo alla solidarietà civile.
Quest’anno la campagna, che proseguirà fino al 16 gennaio del 2014, è dedicata ai cereali, prodotti della terra comuni a tutti i popoli.
E sono appunto quest'ultimi i protagonisti del calendario già disponibile nella nostra sede, contattando sostegno@mlal.org.
Le firme di ciascuna ricette sono quelle delle generose foodblogger di tutta Italia, sensibili ad accendere, insieme ai fornelli, tutta la solidarietà necessaria alla lotta contro fame e malnutrizione.
Il tema del Diritto al cibo rientra tra gli Obiettivi del Millennio, ed è dunque di attualità, al Nord come al Sud del mondo. ProgettoMondo Mlal è impegnato in una serie di programmi in Africa e America Latina che puntano a intervenire per migliorare la nutrizione materno infantile, come in Burkina Faso, o per promuovere ambulatori per la salute e un pasto sicuro ai piccoli del Guatemala. I nostri cooperanti sono inoltre attivi in Bolivia, a fianco dei produttori agricoli comunitari, e in Perù per favorire le mense scolastiche. Ad Haiti, infine, l’organizzazione favorisce la sicurezza alimentare con orti scolastici e l’educazione elementare nelle scuole e a sostegno dei contadini.
A ogni vincitrice, con la sua gustosa ricetta, è stato dedicato un mese del nuovo anno alle porte. Le ringraziamo tutte, elencandole qui sotto:
1. Quinoa: Crepes alla quinoa soffiata con salsa di tamarillo all’acqua di cocco di Elisa Caimi de Il rovo di bosco;
2. Riso: Riso rosso con crema di porro e mela caramellata al miele di Stefania Zecca de Le ricette di Pepi;
3. Farro: Bulgur di farro al pompelmo, capperi ed erbe fresche di Edda Onorato di Un dejeuner de soleil;
4. Miglio: Polpette di miglio con verdure e formaggio di Sarah Brunella di Fragola e limone
5. Mais: Torta sbriciolata con fragole e fragoline di Anna Esposto de Il ricettario di Anna;
6. Grano saraceno: Insalata tiepida di grano saraceno con crema di pecorino di Cristina Mariotti di A pen in the kitchen;
7. Frumento: Tabulè dolce di grano e albicocche di Elvira Costantini di Un filo d'erba cipollina;
8. Kamut®: Cake di Kamut con more e semi di papavero di Laura Gioia di Essenza di vaniglia;
9. Segale: Mezzi pici rustici di segale e noccioleai profumi del bosco di Cinzia Martellini Cortella di Cindy Star;
10. Avena: Kokosbollar (palline al cioccolato e avena) di Enrica Panariello di Chiara Passion;
11. Orzo: Zuppa d’orzo e champignons di Marina della Pasqua de La tarte maison;
12. Amaranto: Molleux alla zucca e amaranto soffiato con nocciole di Genny Gallo di Al cibo commestibile

mercoledì 16 ottobre 2013

"Io non mangio da solo". La campagna che combatte la fame nel mondo con la solidarietà

Il diritto al cibo torna al centro dell’attenzione mondiale. E proprio oggi, in occasione della Giornata dell'Alimentazione, ProgettoMondo Mlal lancia la seconda edizione della campagna “Io non mangio da solo”, per fare conoscere l’impegno della storica organizzazione nel Sud Mondo e sensibilizzare sulla necessità di garantire sovranità e sicurezza alimentare a ogni abitante del pianeta. Non solo con la lotta alla fame nel mondo, ma anche con un forte richiamo alla solidarietà civile.
Quest’anno la campagna, che proseguirà per tre mesi, fino al 16 gennaio del 2014, è dedicata ai cereali, prodotti della terra comuni a tutti i popoli.
Per sollecitare l’attenzione di società civile, mondo della scuola, partner e finanziatori sul tema del diritto al cibo, si parte da un primo risultato già portato a casa, con il contest di ricette “Un chicco tira l’altro che si è appena concluso.
Nelle settimane scorse, infatti, la foodblogger Virginia Portioli del portale “Lo Spilucchino", ha lanciato una nuova iniziativa per sostenerci, come già fatto lo scorso anno, coinvolgendo appassionati di fornelli sensibili alla delicata questione della sicurezza alimentare.
Proprio oggi, Virginia annuncia i nomi dei vincitori del contest che, con le loro ricette a base di cereali, sono stati selezionati per ciascuno dei 12 mesi del nuovo calendario della campagna.
I partecipanti sono stati 90, e ancora una volta ad avere la meglio è stata la sensibilità delle generose foodblogger di tutta Italia, insieme alle proposte di nostri soci, cooperanti arrivate da Bolivia, Brasile, Cile, Burkina Faso e svariati angoli del mondo.
Il tema del Diritto al cibo rientra tra gli Obiettivi del Millennio, ed è dunque di attualità, al Nord come al Sud del mondo. ProgettoMondo Mlal è impegnato in una serie di programmi in Africa e America Latina che puntano a intervenire per migliorare la nutrizione materno infantile, come in Burkina Faso, o per promuovere ambulatori per la salute e un pasto sicuro ai piccoli del Guatemala. I nostri cooperanti sono inoltre attivi in Bolivia, a fianco dei produttori agricoli comunitari, e in Perù per favorire le mense scolastiche. Ad Haiti, infine, l’organizzazione favorisce la sicurezza alimentare con orti scolastici e l’educazione elementare nelle scuole e a sostegno dei contadini.
Un piatto caldo non si rifiuta a nessuno”, dice un’antica espressione popolare. Un principio che sta alla base della ricetta di ProgettoMondo Mlal per eradicare la fame, e che offre lo spunto al direttore dell’Ong veronese, Valentino Piazza, per una puntuale riflessione sul tema.

Nella Giornata mondiale dell'Alimentazione, la ricetta di ProgettoMondo Mlal contro la fame

“Un piatto caldo non si rifiuta a nessuno”. Un’espressione popolare antica che esprime, con il calore e la genuinità del linguaggio della gente comune, un principio che le grandi assisi internazionali avrebbero poi, a più riprese, fatto proprio per ribadire un valore universale, comune a tutti i popoli della terra: il diritto al cibo è un diritto fondamentale della persona, un diritto inviolabile, un “punto di non ritorno” la cui violazione getterebbe un’ombra sulla stessa natura umana così come oggi la intendiamo e che metterebbe in discussione il patto fondativo che ci fa sentire tutti parte integrante della società e della civiltà.
Per questo il diritto al cibo, con il suo conseguente inevitabile corollario di lotta alla fame, trova uno spazio così ampio nelle leggi e nei piani di azione promossi dalle istanze del governo internazionale, Organizzazione delle Nazioni Unite per prima.
E a questo tema, appunto, la comunità internazionale, dedica una ricorrenza annuale: la Giornata mondiale dell’alimentazione che si celebra il 16 ottobre.  

Il punto

Diritto al cibo. Un diritto così importante eppure ancora così ampiamente violato. Nel 2000, la comunità internazionale, in uno dei suoi summit più importanti che avrebbe condizionato le politiche internazionali di sviluppo dei decenni successivi, ne aveva fatto la sua bandiera. Il primo Obiettivo di Sviluppo del Millennio recitava infatti proprio questo: dimezzare la povertà nel mondo e azzerare la povertà assoluta, quella che per l’appunto porta alla fame, entro il 2015.
Oggi le stesse agenzie dell’ONU ci dicono che non ce la faremo: nel 2015 la fame rimarrà una vergogna internazionale che colpirà ancora milioni e milioni di persone in tantissimi paesi.
Proprio l’altro ieri, un’altra importante istituzione internazionale, la Banca Mondiale, prendeva atto di questa situazione e varava la sua più importante ristrutturazione interna dalla data della sua costituzione, con l’obiettivo di attrezzarsi per essere più incisiva sullo “sviluppo di tutti”. In quello stesso incontro, questa istituzione istituiva la nuova road map: azzeramento della fame nel 2020, azzeramento della povertà nel 2030.

Che fare
Se il diritto al cibo è quindi universalmente riconosciuto come pressante, il suo raggiungimento è ancora lontano nel tempo. Paradossalmente tutto questo dà ragione a una Organizzazione come la nostra che, da sempre, sostiene che l’eradicazione della fame non si fa con gli aiuti alimentari ma con lo sviluppo di quelle comunità che dalla fame sono colpite.
A sua volta, lo sviluppo vero non si cala dall’alto, non è pianificato a tavolino dai governi e dai loro tecnici ma consiste nel dar fiducia, strumenti e protagonismo alle donne e agli uomini di quelle comunità. Per questo, noi diciamo che è inutile produrre più alimenti e sperare che poi l’economia e la politica li ridistribuiscano: purtroppo le affidabilissime statistiche internazionali sono inclementi a questo riguardo e certificano come già oggi il cibo prodotto nel mondo sarebbe più che sufficiente per sconfiggere la fame. Sprechi e speculazioni finanziarie distruggono una quota significativa di questo cibo condannando alla fame milioni di persone.
La speculazione si concentra in particolare sui cereali, grano, riso, mais, per quella scellerata idea che dall’inizio degli anni 2000 ha portato a deviare quote sempre più significative della produzione mondiale di cereali verso l’utilizzo industriale come biocombustibili. E i combustibili, si sa, sono quotati in borsa: quando nel 2009 la speculazione ne ha fatto uno dei suoi obiettivi principali, automaticamente il prezzo dei cereali è schizzato alla stelle causando una delle crisi alimentari più gravi della storia recente.

Facciamo la nostra parte
Il nostro impegno quindi va alla promozione della sovranità alimentare, cioè al diritto di ogni comunità, popolo, paese di avere il controllo sulla produzione del cibo di cui necessita. E nella sovranità alimentare, i cereali ricoprono un posto di primo piano.
Nei nostri progetti possiamo trovare tanti esempi di come questo possa diventare realtà!
Nella poverissima regione di Potosì in Bolivia, le famiglie contadine riunite nella associazione locale di produttori di cereali sono oggi proprietarie di un piccolo impianto agroindustriale con cui producono farine arricchite di cereali. Sempre grazie al nostro progetto, questa associazione ha convinto il locale municipio a rinunciare agli aiuti alimentari internazionali e ad utilizzare invece queste farine arricchite nel programma di merenda scolastica di cui beneficiano tutti i bambini delle locali scuole elementari. Il risultato è stato duplice: si è migliorata l’alimentazione dei bambini incentivando allo stesso tempo la frequenza scolastica.
In Burkina Faso, nella regione di Cascades, gruppi auto organizzati di donne preparano pappette nutrizionali utilizzando cereali messi a disposizione dall’intero villaggio per curare i bambini affetti da malnutrizione. Il risultato è che il tasso di malnutrizione in questa regione è sceso dal 15% del 2008 al 6% del 2012.
Ad Haiti, in una terra violentata da un selvaggio disboscamento che ha inaridito i suoli fino a renderli quasi sterili, abbiamo ragionato insieme alle associazioni contadine per trovare possibili soluzioni. Ne è scaturita la decisione di riprendere la cura della terra e dell’ambiente, ripiantando alberi da frutta e da legna, proteggendo i suoli più esposti all’erosione, realizzando opere di contenimento per rallentare la furia delle acque dei torrenti e ridurre i rischi di inondazione dei fiumi.
Come risultato parallelo di questa azione, pochi mesi fa, abbiamo inaugurato un mulino pubblico a cui le famiglie contadine portano il proprio mais per ottenerne farina. Proteggendo l’ambiente quindi, si migliora la produzione di cibo.

Una giornata per loro
A tutti questi piccoli ma grandi protagonisti vogliamo quindi dedicare questo 16 ottobre 2013: grazie al loro impegno e a quello di molti altri protagonisti come loro, un mondo senza fame sarà finalmente possibile!

Valentino Piazza
Direttore ProgettoMondo Mlal

mercoledì 18 settembre 2013

Un chicco tira l'altro. Nuove ricette per il diritto al cibo

Una raccolta di ricette, interamente dedicate ai cereali, per sostenere le attività di ProgettoMondo Mlal che ruotano intorno alla sicurezza alimentare.
Si chiama “Un chicco tira l’altro” la prima iniziativa della seconda edizione di "Io non mangio da solo", la Campagna di ProgettoMondo Mlal che ha preso il via l’anno scorso per il diritto al cibo delle popolazioni del Sud del mondo.
Ancora una volta, a essere impegnata in prima linea, è la food blogger Virginia Portioli, più motivata che mai a continuare a dare una mano alla nostra organizzazione tramite il suo canale web, Lo Spilucchino.
Lo scorso anno siamo partiti dal pane, pensato come alimento primordiale e universale di unione tra i popoli. Quest’anno ci proponiamo di andare ancora più alle radici della terra, a sgranare chicco dopo chicco i cereali, stadio zero del mangiare quotidiano, motori delle economie locali e custodi di un patrimonio spesso dimenticato quale è la biodiversità.
Ad attendere chi vorrà dare il proprio contributo per assicurare un’alimentazione adeguata a chi ancora soffre di malnutrizione o denutrizione, non ci sono concorsi, né competizioni, ma solo lo stimolo del lavoro di gruppo, per rendersi portavoce dell’iniziativa, chicco dopo chicco.
Fino alla mezzanotte del 4 ottobre 2013, infatti, ogni appassionato di cucina o semplice buongustaio, potrà liberare la propria fantasia ai fornelli proponendoci una ricetta che valorizzi in particolare uno dei 12 cereali (tra veri e pseudo) elencati qui sotto, e allegando la foto del piatto realizzato.
Il contributo va inviato alla mail iononmangiodasolo_contest@mlal.org o contattando la pagina Facebook “Io non mangio da solo”.
Le migliori ricette diventeranno un calendario e un’agenda, e il ricavato dalla vendita di questi prodotti andrà interamente a sostenere i nostri progetti di sicurezza alimentare in America Latina e Africa.

REGOLAMENTO

Premessa: con la vostra partecipazione autorizzerete ProgettoMondo Mlal ad utilizzare il materiale che ci avrete inviato per la creazione di un calendario e di un’agenda 2014 (che riporteranno la vostra firma) per la raccolta fondi.

Come partecipare?

- Pubblicare sul vostro blog una ricetta dolce o salata che utilizzi uno (e possibilmente uno soltanto) di questi 12 cereali -alcuni veri e propri e altri cosiddetti “pseudo-cereali”*-, in forma di chicco, fiocchi o farina:

1. Mais
2. Frumento
3. Riso
4. Orzo
5. Farro
6. Quinoa
7. Amaranto
8. Grano saraceno
9. Segale
10. Avena
11. Kamut®
12. Miglio

- Pubblicare una foto che la rappresenti;
- E’ possibile partecipare con una ricetta già proposta nel blog a patto di ripubblicarla in un nuovo post che faccia riferimento a questa nuova raccolta per ProgettoMondo Mlal. Con l’occasione potete anche approfittare per scattare una nuova foto aggiornata;
- Inviare il tutto (testo e foto senza scritte e ad alta definizione) all'indirizzo mail iononmangiodasolo_contest@mlal.org insieme al modulo della liberatoria che potete scaricare QUI e segnalare il link del vostro post nei commenti qui di seguito. Se non avete un blog ma volete ugualmente contribuire, è sufficiente che spediate il vostro materiale all'indirizzo mail appena citato e, per sicurezza, segnalatelo anche qui.
Se avete piacere potete sostenerci e rimanere aggiornati sull’andamento della raccolta anche attraverso la pagina facebook del gruppo della campagna e quella più generale di ProgettoMondo Mlal.
- La scadenza è fissata per la mezzanotte del 4 ottobre 2013.
Le 12 ricette da calendario (ogni mese sarà dedicato ad un cereale) verranno proclamate il 16 ottobre 2013, Giornata Mondiale dell’Alimentazione.

Grazie per il sostegno che in ogni forma ci darete!

*Consapevoli che sia improprio definire tutti quanti “cereali”, concedeteci questa imprecisione per ampliare la raccolta e ricordare così alcuni chicchi altrimenti dimenticati.